Museo della Danza, Stoccolma | Dansmuseet

Il Museo della danza è un museo dedicato alla danza e al movimento, famoso per la sua collezione di costumi, maschere e opere d’arte visiva. 

Dansmuseet: il Museo della Danza a Stoccolma

Il Museo della Danza (in svedese Dansmuseet) ha una storia affascinante che ha visto il suo fondatore, Rolf de Maré, spostarsi da un luogo all’altro nel corso degli anni. Inizialmente, si trovava nel Palazzo Hallwyl su Hamngatan a Stoccolma, in seguito ha cambiato varie sedi a Stoccolma, trovando sede presso i Ballets Suédois al Teatro degli Champs-Élysées di Parigi, per poi viaggiare in diverse parti del mondo, prima di fare ritorno a Stoccolma.

Attualmente il Museo della danza (dansmuseet) si trova in Drottninggatan 17 nel quartiere Norrmalm. Si tratta del sesto indirizzo del museo. Essendo un punto di incontro per diverse forme d’arte incentrate sul movimento, il Dansmuseet propone diverse mostre e attività adatte a tutte le età. Qui puoi assistere a spettacoli di danza, concerti musicali, gustare ottimi piatti e bevande nel bistrot o partecipare a laboratori creativi.

Il museo dispone anche di una biblioteca con un archivio e una videoteca, accessibile su prenotazione. Nel negozio del museo troverai la più vasta selezione di libri e film sulla danza di Stoccolma, oltre a souvenir.

Ma Dansmuseet è molto di più di un semplice museo. Per chi desidera esplorare Stoccolma in inverno, la magia della neve si fonde con l’atmosfera accogliente di Norrmalm, specialmente nel periodo natalizio con i mercatini di natale a Stoccolma, la città regala un’esperienza memorabile per chi visita la capitale per la prima volta.

Inoltre, il Dansmuseet si rivela ideale come meta per visitare Stoccolma con i bambini per esplorare e partecipare a diverse iniziative, rendendo un’esperienza educativa coinvolgente per tutta la famiglia.

Se state cercando suggerimenti sui quartieri più adatti per alloggiare a Stoccolma, Norrmalm si presenta come una scelta eccellente. La sua posizione centrale permette di accedere alle principali attrazioni della città. Se, invece, preferite soggiornare in questa zona, allora vi consiglio di dare un’occhiata ai migliori hotel a Norrmalm per poter esplorare altri luoghi e musei di Stoccolma che si trovano nelle immediate vicinanze, come il Museo delle Antichità del Mediterraneo e del Vicino Oriente, la Casa Sager, l’Opera Reale Svedese, oppure attraversare il ponte Norrbro e visitare il Museo del Medioevo, Riksdag, continuare a camminare fino al quartiere Gamla Stan per non perdersi la visita al Museo Nobel, il Palazzo Reale, la Chiesa Storkyrkan, il Museo Ebraico di Stoccolma e altre numerose attrazioni.

Se hai intenzione di dedicare 3 giorni a Stoccolma, come ho fatto io in ben quattro occasioni, sicuramente desidererai immergerti nel suo straordinario connubio di isole, esplorare il pittoresco centro storico, ammirare i sontuosi palazzi e visitare le molteplici attrazioni culturali e monumenti. Proprio per questo motivo, ho elaborato un itinerario ottimizzato di cosa vedere a Stoccolma in 3 giorni, basato sulla mia esperienza, che ti sarà utile per organizzare al meglio la tua visita!

Se invece hai a disposizione 2 giorni a Stoccolma, e vuoi arricchire la tua esperienza, ti consiglio di includere nel tuo itinerario un emozionante tour dell’arcipelago di Stoccolma, che ti permetterà di scoprire la bellezza unica delle isole circostanti.

Museo della danza: Storia

Il fondatore del museo della danza, Rolf de Maré (1888-1964), nipote della ricca contessa Wilhelmina von Hallwyl, proveniente da una famiglia aristocratica e noto per la sua vita avventurosa nella società internazionale, decide di creare il Dansmuseet nel 1953.

La sua passione per la danza e il teatro lo ha portato a viaggiare in tutto il mondo, collezionando oggetti unici legati a queste forme d’arte. Da questi viaggi è nata una collezione unica, che include costumi autentici, strumenti, sculture, burattini, maschere da ballo e fotografie provenienti dall’Asia, Africa e Nord America.

Nel 1931, Rolf de Maré gettò le basi per il Dansmuseet, inaugurando Les Archives Internationales de la Danse (AID), un centro pionieristico che combinava ricerca, archivio, biblioteca e museo della danza, il primo del suo genere. Insieme al suo partner Jean Bàrlin (1893-1930), fondò i Ballets Suédois (Balletto Svedese), una compagnia attiva a Parigi dal 1920 al 1925.

Museo della danza: Collezioni

Le collezioni del Museo della danza “Dansmuseet” comprendono più di 5.000 oggetti e includono molte opere d’arte dei Balletti Suédois, una compagnia nota per i suoi balletti innovativi e progetti interdisciplinari, realizzati in collaborazione con artisti, compositori, scrittori e registi di fama. Tra questi, Fernand Léger, Giorgio de Chirico, Francis Picabia, Pierre Bonnard, Nils Dardel e molti altri sono rappresentati nelle collezioni del museo.

Anche i bozzetti delle scene e dei costumi di artisti come Alexandre Benois, Leon Bakst, Isaac Grànewald, Wilhelm Kåge e Lennart Rodhe sono una parte significativa della collezione. Gran parte della collezione d’arte di Rolf de Maré è stata donata al Museo Nazionale nella seconda metà del XX secolo e oggi si trova al Moderna Museet di Stoccolma.

Rolf de Maré, con l’obiettivo di valorizzare la danza nella società si dedicò a migliorare il ruolo della danza, creando fondazioni per sostenere finanziariamente il museo e promuovere la ricerca sulla danza.

Durante la sua vita, Rolf de Maré si è impegnato a migliorare il ruolo e l’importanza della danza. Con l’aiuto di Bengt Hoger, ha creato due fondazioni: il Fondo Dansmuseet e il Fondo Commemorativo Rolf de Maré. Queste fondazioni avevano lo scopo di fornire le sovvenzioni per la ricerca sulla danza e supportare finanziariamente il museo.

Il Museo della Danza (Dansmuseet) si impegna a mostrare le sue collezioni al pubblico per almeno cinque giorni a settimana, promuovendo così l’arte della danza attraverso le sue collezioni raccolte.

Per visitare il Dansmuseet consiglio di non acquistare il biglietto singolo, ma grazie al Go City Pass All-Inclusive, avrete accesso anche ad altre attrazioni, crociere, tour con un unico pass da 1, 2, 3, 4 o 5 giorni.


In conclusione, il Museo della Danza a Stoccolma, Dansmuseet, non è solo una istituzione culturale, ma una testimonianza vivente della passione e dedizione di Rolf de Maré per l’arte della danza. Visitare il Dansmuseet è un’esperienza che va oltre a saper apprezzare l’arte.

E voi l’avete mai visto? Cosa ne pensate? Quali sono le collezioni che vi sono più piaciute?

Lascia un commento