Guida all’Isola di Gotland e del capoluogo Visby in Svezia

Guida all’Isola di Gotland e del capoluogo Visby in Svezia

L’isola di Gotland è una terra magica in cui si concentrano meraviglie naturali e attrazioni culturali di grande importanza.

Affascinante e circondata da sempre da un alone di mistero per via delle sue origini, in questa terra si respira una storia millenaria che affonda le radici al 5000 a.C.

Visitare l’isola di Gotland e il suo capoluogo Visby, è un alternarsi di massi colossali, mulini a vento, prati verdeggianti e città stupende che fanno parte del Patrimonio Unesco.

Isola Di Gotland: cosa vedere a Visby

Visby è il capoluogo dell’isola di Gotland ed è una città pittoresca e affascinante, da scoprire in ogni suo angolo. Un’isola al largo della costa svedese che pur essendo piccola è una tra le più grandi del Mar Baltico, seconda a Sjælland.

Vediamo tutto ciò che c’è da visitare in questa splendida città dichiarata Patrimonio dell’Umanità Unesco dal 1995, che si divide tra arte, design ed eleganza, massi colossali e mulini a vento.

Città di Visby

Incantevole con il suo dedalo di viuzze sulle quali si affacciano deliziose casette dai toni pastello e abitazioni con frontoni a gradini, Visby possiede palazzi e chiese risalenti al periodo vichingo, torri e torrette perfettamente conservate.

Del periodo medievale sono presenti circa 200 abitazioni e magazzini da visitare, e sono tante le testimonianze che raccontano le sue antichissime origini. Intorno al 900 d.C. la città divenne un centro importante per le merci.

Durante l’anno si celebra un evento che riporta in auge tutto il fascino medievale della città e la gente indossa i costumi tipici. Numerosi gli spettacoli che vengono organizzati, fra cui concerti di musica, performance teatrali, tornei e anche un mercato medievale.

Mura di Visby

Le mura di Visby si estendono per oltre 3,5 chilometri e costituiscono una vera attrazione. La cinta muraria è alta 11 metri, è rinforzata con 36 bastioni e ha tre porte principali. Percorrendo le mura lungo il giro è possibile ammirare dettagli medievali di grande interesse.

Edificate intorno al 1200, le mura sono in pietra calcarea e lungo il percorso custodiscono tantissime storie. Al numero 5 , vicino l’estremità nord-est si trova la Torre della Fanciulla, la storia narra che la figlia dell’orafo di Visby sia stata murata viva per aver tradito la città per amore del re danese Valdemar Atterdag.

Invece al numero 10, troviamo la Sankt Göransporten con la sua torre, caratterizzata da una pietra situata nel mezzo di una delle feritoie. La pietra risale al XIII secolo scagliata da una lancia durante la guerra civile, che fece seguito alla costruzione delle mura dividendo Gotland in due lati: da un lato all’interno delle mura vi erano mercanti e artigiani autorizzati al commercio internazionale, dall’altra parte sia i pescatori che i contadini rimasero all’esterno a vendere con gli altri abitanti dell’isola.

Grotta di Lummelunda

Ideale per vivere l’esperienza di un viaggio indietro nel tempo, visitare la grotta di Lummelunda porta alla scoperta di percorsi affascinanti, pietre, stalattiti e tanti segreti come un accesso scoperto casualmente da tre ragazzini.

Accessibile ai visitatori dal 1959, la grotta di Lummelunda riserva dei percorsi anche al buio e vi si organizzano escursioni su piccole imbarcazioni davvero emozionanti. Inoltre, c’è la possibilità di guardare dei corsi sotterranei strisciando nei passaggi della caverna, insomma possiamo dire che sicuramente non manca il divertimento e le cose da fare non finiscono mai.

Se cercate un momento di relax potrete fare una passeggiata lungo i sentieri che portano alla scogliera e verso il mare. Nella zona sono presenti un negozio, una caffetteria, un bar e una sala con tante attività per bambini.

Cattedrale e chiese medievali

Una delle attrazioni principali dell’isola è la cattedrale di Santa Maria, costruita intorno al XIII secolo e consacrata dai mercanti tedeschi. Nel corso della sua storia è stata più volte modificata, e l’ultima ristrutturazione risale al 1900.

La chiesa ha la facciata in stile romanico, ma sono evidenti anche tracce dello stile gotico. Di tutte le chiese antiche è l’unica che viene utilizzata, anche perché delle altre restano solo le rovine, come quella di San Nicola, di cui rimane la struttura e diverse colonne.

Bla Lagunen

Bla Lagunen è un’ex cava di calcare con magnifiche acque blu, una laguna situata sulla costa settentrionale dell’isola. Meta ideale per un bagno rigenerante, e consigliata soprattutto solo per chi sa nuotare in quanto il fondale digrada in maniera bruscia. Un posto perfetto per trascorrere un pomeriggio di relax e fare un picnic con la famiglia o con gli amici.

Botaniska Tradgarden

L’Orto Botanico è una delle principali attrazioni di Visby ed è caratterizzato da tante specie di piante come quelle esotiche e mediterranee. Il giardino botanico di Visby è stato fondato nel 1855 e si trova all’interno delle mura storiche e lo si attraversa facendo una passeggiata per le vie cittadine. Una vera oasi in cui prendere contatto con la natura con prati curati e ricche fioriture stagionali.

Museo di Gotland

Gotlands Museum, è assolutamente una tappa che non può mancare per chi conoscere la cultura e la storia dell’isola. Fondato nel 1875, il Museo di Gotland ospita una collezione permanente di oggetti antichi e manufatti risalenti all’Età della Pietra e al tempo dei Vichinghi.

Si possono ammirare anche reperti naturali e creazioni artistiche, i fossili rinvenuti nel Mar Baltico, la più grande collezione al mondo di argento vichingo.

Labinti – Trojaborg

I labirinti, che in gergo locale sono chiamati Trojaborgs, sono un’altra delle attrazioni affascinanti che permettono di fare un viaggio attraverso il tempo.

Situati nei pressi della riserva naturale di Galgbert, ve ne sono altri labirinti di Gotland antichissimi e altri più recenti. Il nome “Trojaborg” pare si riferisca alla città di Troia, o comunque a città ben fortificate e molto antiche.

L’obiettivo di questi labirinti bassi era quello di intrappolare gli spiriti maligni e la malasorte. Molti Trojaborg furono realizzati nel Medioevo in vicinanza alla costa dove i pescatori potevano percorrere prima di garantirsi una buona pesca.

Una volta usciti da questi labirinti, questi pescatori salivano velocemente a bordo delle loro barche per lasciare i troll, venti indesiderati nelle spire del labirinto e gli spiriti maligni.

Sudersand e Langhammars

Entrambe sono due spiagge dell’isola di Faro, un’appendice a nord dell’Isola di Gotland. Suggestive per le acque trasparenti, Sudersand vanta di fondali non troppo profondi, ideali anche per i bambini e per chi ama fare snorkeling. Questa spiaggia è adornata da splendide dune di sabbia e da una vegetazione rigogliosa. In questo paesaggio incontaminato è facile incontrare le tipiche pecore di Gotland dal vello grigio. Langhammars è invece una spiaggia rocciosa, racchiusa fra enormi scogliere che possono raggiungere anche i 10 metri. Le rocce erose dal vento da migliaia di anni hanno forme uniche e vale la pena ammirarle alla luce del tramonto.

Stora Karlsö

Piccola isola a largo della costa occidentale dell’isola di Gotland, Stora Karlso ospita diverse specie di uccelli ma anche prati verdissimi e grotte che raccontano una storia risalente all’Età della Pietra. Oasi di pace unica, possiede anche spiagge circondate da scogliere calcaree.

Casa di Pippi Calzelunghe

Villa Villacolle è la casa di Pippi Calzelunghe ed è stata utilizzata come set nella famosa serie televisiva di successo internazionale, trasmessa anche in Italia. La casa si trova all’interno del Kneippbyn, un’area attrezzata con tanti divertimenti, tra cui un campeggio, centro sportivo e parco divertimenti acquatico. Di tanto in tanto vi si tengono rappresentazioni teatrali dedicate a Pippi Calzelunghe.

Le navi di pietra sono delle pietre conficcate nel terreno, situate in diverse aree di Gotland. Si tratta di pietre che creano la sagoma di una imbarcazione, usati come monumenti funebri e luoghi di sepoltura, risalenti alla tarda età del bronzo. In questi luoghi venivano seppellite le persone più importanti per la comunità e le navi di pietra avrebbero reso il viaggio nell’aldilà più semplice.

Vino e tartufi

Nota come Isola delle rose per il suo clima a tratti mite, Gotland viene spesso nominata anche isola del vino e del tartufo. Nell’area di Hablingo, situata a sud dell’isola, si trova il vigneto commerciale più a nord della terra, appartenente all’azienda Gute Vingård AB. Nel 2000 è stato messo a dimora il primo vigneto e nel 2003 sono state messe sul mercato le prime bottiglie di vino. Invece, nel nord dell’isola si trova Bräntings Gård, una fattoria che possiede la piantagione di tartufi più a nord della terra.

Come arrivare a Gotland

Per raggiungere l’isola di Gotland troviamo a soli circa 4 km a nord l’aeroporto di Visby. Per chi viaggia dall’Italia non ci sono voli diretti ma occorrono solo 40 minuti per volare dalla capitale svedese Stoccolma.

Oppure un’alternativa è il traghetto che attraversa il Mar Baltico, i porti più vicini e principali per raggiungere Visby dalla Svezia sono: Nynashamn, Oskarshamn e Vastervik, con una durata di percorrenza di 2 ore e 30 minuti da Vastervik, 2 ore e 55 minuti da Oskarshamn, 3 ore e 15 minuti da Nynashamn. Trovi un articolo dedicato sui mezzi pubblici, che puoi leggere qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.